Elba: diving e snorkeling specialità di casa

Scopri le Migliori Offerte per fare Diving all'Isola d'Elba e Prenota con un Click!

Prenota Subito!

Un esilio volontario al paradiso delle immersioni

    Se un giorno qualcuno volesse farmi un dispetto, chiederò di essere punito allo stesso modo di Napoleone Bonaparte: in esilio sull’Isola d’Elba, un’isola che è un piccolo paradiso e che con i suoi 223 km quadrati non solo è la più estesa dell’Arcipelago Toscano, ma anche la terza isola d’Italia. In antichità era chiamata Aithàle dai Greci, fuliggine, con evidente riferimento alla lavorazione del ferro che veniva estratto dalle miniere dell’isola. Per i Romani, invece, il nome, di derivazione poco chiara, era Ilva, modificatosi nel tempo prima in Ilba e infine in Helba, Elba. Napoleone nel 1815 fuggì da questa splendida isola, per provare a riprendere in mano il destino dell’Europa, quindi possiamo giustificare la sua partenza. Lui non sapeva come sarebbero andate le cose, dopotutto. Ma tutti noi possiamo prenderci delle belle soddisfazioni e gustarci tutto quello che ha da offrire.

Elba Diving

  C’è da dire che il clima dell’Isola, tipicamente mediterraneo, favorisce le visite a qualunque stagione. Basti pensare che in pieno inverno, quando altrove si muore dal freddo, la temperatura minima media dell’Isola è di circa 8°. Niente di proibitivo,  nsomma. E anche d’estate si respira bene (temperatura media massima 27/28°). Per gli amanti della storia l’isola si presta a molte suggestioni. Ci sono infatti testimonianze di popolazioni vissute in quest’area già nel paleolitico. Fondamentale la presenza degli Etruschi che grazie alla posizione strategica potevano controllare l’area con facilità. La dominazione romana lascia testimonianze interessanti, per i visitatori. Tre ville (Villa della Linguella, Villa delle Grotte e Villa di Capo Castello), necropoli, la città di Portoferraio. Non solo mare e relax, quindi, per i turisti che scelgono l’Isola d’Elba come meta. Tra le curiosità troviamo anche l’informazione che l’isola (e le altre dell’arcipelago) una volta faceva parte della lingua di terra emersa che collegava la penisola addirittura alla Corsica. Un’altra storia, questa, molto lontana da noi. In queste poche righe non possiamo nemmeno iniziare a citare tutte le specie di animali presenti sull’isola, centinaia di specie tra uccelli, insetti, anfibi, rettili, mammiferi. Ma le meraviglie non sono solo queste.

Elba Diving

   C’è un mondo che è per pochi, sotto il livello del mare. L’isola è infatti una delle mete preferite dagli amanti delle immersioni. Gli appassionati del mare, dello snorkeling (nuotare in superficie con boccaglio o aeratore, al massimo a cinque metri di profondità) e del diving troveranno nei fondali un vero e proprio tesoro nascosto: secche, franate, grotte, relitti… sì, avete letto bene, relitti. Su tutti il cargo Elviscot, partito da Napoli e finito accidentalmente sul fondo del mare nel 1972 dopo un incidente sugli scogli. Ma se siete dei veri appassionati di storia potrete anche trovare i resti dello Junker 52, un aereo risalente alla Seconda Guerra Mondiale. Ma non solo relitti, eh, mi raccomando. C’è un mondo meraviglioso, là sotto, ricco di colori, grotte, pesci, e tutto quello che può offrire un fondale limpido e ricco. L’Elba è un vero gioiello, ve lo abbiamo detto. E per gli appassionati è anche decisamente organizzata. Troverete facilmente diving center su tutto il territorio, basta guardare su Sharewood! Perché esitare ancora, quindi?